Ray Dalio compra Bitcoin ed afferma “preferisco avere Bitcoins piuttosto che i bonds”

Ray Dalio, principale gestore di hedge fund del mondo, inizialmente scettico sui bitcoin ,negli ultimi mesi sembra aver cambiato decisamente opinione.

Dalio ha analizzato la svalutazione del dollaro nel ’71: la spesa federale USA salì fino a causare una diminuzione delle riserve auree del 50% nell’arco di soli venti anni, spingendo il Presidente Nixon ad abbandonare il gold standard per trasformare il Dollaro in una moneta “fiat”. Con l’attuale bisogno di debito, il dollaro sembra essere sull’orlo della svalutazione e che la Cina possa minacciare il biglietto verde come valuta di riserva mondiale. In questo scenario il Bitcoin diventa sempre più attraente come forma di bene non soggetto ad inflazione.

Infatti se la Cina è l’unica che possa riempire il vuoto del declino del dollaro, è anche vero che dall’inizio della pandemia, ha fornito stimoli fiscali e monetari relativamente contenuti.  Con una valuta (il dollaro) forse in declino mentre un’altra (il renminbi) forse in ascesa, si fa strada la possibilita’ che una criptovaluta neutrale come il bitcoin possa agire come l’oro nei secoli precedenti.

Ray Dalio sottolinea che i bitcoin possono soddisfare il bisogno crescente di una riserva alternativa in quanto le criptovalute possono fungere da copertura contro l’inflazione e beneficiare di stimoli fiscali e monetari.

Ha affermato che il rischio più grande dei Bitcoin possa essere il suo successo. E’ infatti ovvio che i governi potrebbero iniziare a preoccuparsi se gli obbligazionisti vendessero le loro obbligazioni a favore del bitcoin e ne temano la concorrenza.

“Il mondo cambierà a un ritmo incredibilmente veloce”, ha detto Dalio. “Chi vince la corsa alla tecnologia, vince tutto”

Ti potrebbe interessare anche:

I pagamenti in criptovalute in Russia non riusciranno ad eludere le sanzioni

by | Set 27, 2022 | News | 0 Comments

La guerra tra Russia e Ucraina sta andando avanti ormai da mesi creando scompiglio a livello internazionale e destando non poche preoccupazioni per quanto riguarda...

Polkadot ecosystem brings blockchain innovation to the traditional economy sectors

by | Mag 23, 2022 | News | 0 Comments

Elite blockchain startups and investors met in Lugano during the event Decentralized Lugano in April 2022. The event was promoted by Mark Cachia, well-known investment manager and founder of VC firm Scytale toghether with BIL (International Bank of Luxembourg ) Suisse. The event was meant to raise awareness of the importance of Blockchain technology. The participants, guests and start-ups came from all over the world to connect and bring blockchain innovation to the traditional economy sectors using Polkadot technology.

LUGANO E BIL DALLA TRADIZIONE ALL’AVAGUARDIA NELL’INNOVAZIONE BLOCKCHAIN

by | Mag 23, 2022 | News | 0 Comments

La Svizzera è senza dubbio una sede allettante per gli investitori, grazie al favorevole sistema fiscale del paese e al sistema legislativo che ha introdotto il concetto di blockchain e asset digitali.

Il fondatore di Polkadot Gavin Wood sceglie Lugano per annunciare XCM

by | Mag 5, 2022 | News | 0 Comments

Lugano sempre di più capitale europea della Blockchain, durante l’evento Decentralized Lugano di Aprile 2022, organizzato dall’ufficio di Lugano della BIL, la Banque Internationale à Luxembourg (Suisse), l’ospite d’onore della serata Gavin Wood, co-fondatore di Ethereum , fondatore della Web3 foundation, sopratutto autore della white paper e co-fondatore di Polkadot, ha annunciato che XCM sarà rilasciato nei prossimi giorni.